Salta al contenuto principale

L'European Immersive Computing Summit arriva al Museo M9

Due giorni e 20 relatori provenienti da 11 Paesi: sono questi i primi numeri della seconda edizione di EICS - European Immersive Computing Summit, l’evento internazionale dedicato alle tecnologie immersive che si terrà al Museo M9 il 27 e 28 giugno 2019.
Il focus di quest’anno sarà il lato umano della tecnologia, con una forte attenzione ai casi concreti di applicazione della virtual reality e della augmented reality.

Siamo felici di ospitare il prossimo EICS in M9 a poco più di sei mesi dalla sua inaugurazione. Non si sarebbe potuto pensare a luogo più adatto per questa edizione dedicata all’aspetto umano dell’innovazione: il Museo del ’900 è infatti un museo multimediale, interattivo e immersivo che racconta attraverso tecnologie innovative le grandi trasformazioni occorse nella vita degli italiani nel corso del XX secolo”, dichiara Antonio Rigon, Direttore M9 District. “La tecnologia in M9 non è però mai fine a se stessa, ma sempre al servizio della narrazione e dell’engagement dei visitatori. Visori per la navigazione in ambienti virtuali, dispositivi multitouch, ologrammi e tutti gli altri dispositivi tecnologici del museo hanno sempre l’obiettivo di coinvolgere il visitatore e renderlo protagonista attivo dell’esperienza di visita”.

Tra i relatori internazionali che interverrano nel corso di EICS 2019 figura Elena Malakhatka, fondatrice del VR Sci Fest, il più grande festival in Europa dedicato all'applicazione delle tecnologie immersive alla scienza. Nel suo intervento dal titolo “Media architecture for physical buildings: how XR will transform our space perception” approfondirà l’argomento degli edifici intelligenti e indagherà come le tecnologie possono aiutare architetti, urbanisti, sociologi, psicologi, geografi e scienziati che si occupano di spazi e architettura.

Il tema dell’edutainment, ovvero la fruizione dei contenuti culturali attraverso l’intrattenimento, sarà affrontato da Olga Kravtchenko con MUSEMIO, un'app che mira a rendere la cultura e l'arte accessibili ai bambini.

Sul tema sanità e nuove tecnologie immersive la parola passerà a due speaker: Derick Murdoch, esperto di User Experience e User Interface design con il progetto “VR as an empathy engine-How experiencing dementia in VR can influence behaviour change” e Christopher Lafayette, studioso di Medical Immersion, relatore nazionale e internazionale della Silicon Valley e ideatore degli spazi Holodecks, Holochambers e Holopods.

Murdoch illustrerà Dementia First Hand, progetto finanziato dal governo Gallese che, attraverso la VR, ha permesso di educare e influenzare positivamente le percezioni dei famigliari e della comunità, oltre che degli assistenti di contesti sanitari e di assistenza sociale, che vivono accanto a persone affette da demenza. Lafayette, invece, illustrerà le Advanced Coworking Platforms, spazi immersivi dedicati alle MedTech e al loro apprendimento.

A intervenire durante la seconda edizione di EICS a Venezia sarà anche Lorenzo Montagna, AR/VR Advisor, Technology Consulting, PwC Italia.

Prevista un'area EICS Ventures nella quale saranno presenti una serie di aziende che permetteranno di sperimentare soluzioni di AR e VR. Tra queste, Nice, multinazionale italiana di riferimento internazionale nel settore dell’Home Automation, Home Security e Smart Home.

L’evento è organizzato da Uqido, software house di Padova attiva dal 2010 nel campo del software development, dell’intelligenza artificiale, dell’IoT, della realtà virtuale e aumentata.

www.eicssummit.com